Esegui ricerca

Ottone Meloda, in Iran con stile e tecnologia

"A Teheran abbiamo incontrato interlocutori estremamente preparati, attenti e interessati anche ai materiali e ai processi di produzione. Il mercato locale è pronto per fare il salto di qualità". Ottone Meloda, lo storico marchio di rubinetteria, lo scorso febbraio è stato in Iran per allacciare nuove relazioni d'affari. Abbiamo raccolto alcune impressioni "a caldo" di ritorno dagli incontri d'affari.

Ottone Meloda, in Iran con stile e tecnologia

L'azienda produttrice di rubinetteria – che dal 2015 è parte del gruppo WTS, realtà bresciana che aggrega altri importanti brand del settore – è stata tra le prime in Italia a puntare con decisione sui mercati esteri e a percorrere la strada dell'internazionalizzazione.

“In Medio Oriente abbiamo una presenza consolidata già da molti anni. Oggi, dopo la fine delle sanzioni, il mercato iraniano offre grandi opportunità e noi ci stiamo muovendo, ci stiamo affacciando sul mercato, abbiamo avviato i primi contatti e le sensazioni sono positive. Abbiamo colto una grande voglia di cambiamento, che si riflette nei gusti e negli stili di vita della popolazione. Ma sappiamo bene di dover fare i conti con una concorrenza agguerrita. Non dobbiamo fare l'errore di pensare che in questi anni di sanzioni l'Iran sia rimasto completamente fermo”.

Con quali operatori siete già entrati in contatto?

“Nel corso della recente missione in Iran organizzata da Promos – che ha svolto per noi un efficace lavoro di ricerca e selezione delle controparti – abbiamo avuto modo di incontrare sia grandi contractor che responsabili di showroom e di punti vendita e, in entrambi i casi, abbiamo trovato interlocutori competenti. Ci ha sorpreso favorevolmente il livello di preparazione delle nostre controparti, l'attenzione al prodotto ma anche a ciò che c'è dietro, ai processi di produzione, ai materiali e alle tecnologie utilizzate. E in questo senso noi possiamo giocare delle carte vincenti: all'interno del nostro gruppo gestiamo tutto il ciclo di produzione e ciò ci garantisce una grande flessibilità e possibilità di personalizzazione”.

Con che strategie affrontate il mercato? Concorrenza di prezzo o qualità?

“Non si può pensare di conquistare grandi progetti contract o commesse di grosse dimensioni affidandosi solo alla qualità. Il prezzo gioca un ruolo altrettanto fondamentale. Diverso è il caso dei negozi specializzati, degli showroom: lì c'è spazio anche per i prodotti di fascia alta. A Teheran e nelle altre grandi città del paese le classi più ricche cercano prodotti di design, ricercati e ad elevate prestazioni”.

Un messaggio per concludere?

“In Iran il made in Italy è conosciuto, è apprezzato, ma da solo non basta. È fondamentale studiare bene le strategie di approccio al mercato, differenziandole anche in base alla controparte che si ha di fronte. Bisogna essere flessibili e sapere che gli operatori locali sono molto preparati e in grado di valutare se le caratteristiche del prodotto giustificano una certa fascia di prezzo”. 

 

Promos Italia è partecipata dalle Camere di Commercio di Bergamo, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Genova, Milano Monza Brianza Lodi, Modena,
Perugia, Pisa, Ravenna, Salerno, Pordenone-Udine e da Unioncamere, Unioncamere Emilia-Romagna, Unioncamere Lombardia.

Camera di Commercio Bergamo
Camera di Commercio Caserta
Camera di Commercio Catanzaro
Camera di Commercio Cosenza
Camera di Commercio Genova
Camera di Commercio Milano MonzaBrianza Lodi
Camera di Commercio Modena
Camera di Commercio Perugia
Camera di Commercio Pisa
Camera di Commercio Ravenna
Camera di Commercio Salerno
Camera di Commercio Udine
Unioncamere
Unioncamere Emilia Romagna
Unioncamere Lombardia